Stampa
Categoria: News

Da Repubblica.it del 18/10/2019

Bello il digitale, ma occhio ai più deboli

di RICCARDO LUNA(ansa)

Questa mattina ero nell'ufficio della mia circoscrizione per richiedere finalmente la carta di identità elettronica.

C'erano in attesa molti anziani e ho pensato che probabilmente erano un campione di coloro che non sanno usare i servizi della pubblica amministrazione online.

Al momento di pagare mi hanno detto che non accettavano contanti, ma solo bancomat o carta di credito. Bene, ho pensato (prima di scoprire che il POS non funzionava), e chi non ce le ha? Va alla posta.

Questo piccolo episodio mi è tornato in mente leggendo il rapporto che l'inviato speciale delle Nazioni Unite sui diritti umani e la povertà estrema ha presentato ieri. Lui si chiama Philip Alston, ha 69 anni, è australiano e da tempo lavora come esperto delle Nazioni Unite.

Il rapporto che ha presentato all'assemblea generale analizza gli effetti dell'adozione delle tecnologie digitali nella pubblica amministrazione e in particolare sulle cosiddette misure di welfare, di assistenza sociale.

Le conclusioni sono sorprendenti ed allarmanti: dice, in buona sostanza Alston, che il digitale rischia di penalizzare i più poveri due volte.

La prima, quando di fatto li esclude dal cambiamento in corso (in Italia 18 milioni di persone non hanno mai usato internet nell'ultimo anno: di solito hanno la licenza media ed elementare, spesso hanno più di 55 anni, e abitano in prevalenza lontani dalle grandi città. Sono gli esclusi di cui nessuno si cura).

La seconda volta quando li scheda e demanda a software ed algoritmi la gestione di casi che spesso sono casi umani che non si possono risolvere solo tenendo conto di una astratta efficienza.

Insomma, secondo Alston, che ha raccolto molti esempi da diversi paesi, Italia compresa, nel nome della rivoluzione digitale ci staremmo muovendo come degli zombi verso un futuro distopico.

Un futuro in cui l'utilizzo dei dati personali, che il digitale facilita, viene usato per punire anche le più piccole irregolarità dei più deboli; oppure a sorvegliare, monitorare ed eventualmente punire quelli che vivono situazioni di disagio.

Non ha tutti i torti Alston: tornare indietro, ad una pubblica amministrazione fatta di scartoffie, non ha senso.

Ma occorre che scrivere le regole, e gli algoritmi, in modo che non si perda mai l'elemento umano.

Soprattutto per chi ha più bisogno di aiuto.